Sei nella pagina: Home Il genocidio
E-mail Stampa PDF

Metz Yeghern:
il genocidio degli Armeni

 

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie in Turchia il genocidio del popolo armeno. Con esso, il governo, dominato dal partito “Unità e Progresso” (chiamato dei Giovani Turchi), che aveva preso il potere nel 1908, attuò l’eliminazione dell’etnia armena, presente in Anatolia fin dal 7° secolo a.C. I prodromi dei massacri degli Armeni sono da ricercare nel mutamento del quadro politico internazionale durante il XIX secolo e nel declino che in tale contesto stava subendo l’Impero ottomano: lo sterminio del 1915 fu preceduto dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da altri massacri, in particolare nel 1909 in Cilicia. Il movente fondamentale che ispirò l’azione di governo dei Giovani Turchi fu l’ideologia panturchista e la volontà di riformare lo Stato su una base nazionalista.

La pianificazione del genocidio avvenne tra il dicembre del 1914 e il febbraio del 1915 con l’aiuto di consiglieri tedeschi, alleati della Turchia all’interno del primo conflitto mondiale. Il 24 aprile del 1915 tutti i notabili armeni di Costantinopoli vennero arrestati, deportati e massacrati. Unitamente all’eliminazione dell’élite armena, si procedette, a partire dal gennaio del 1915, al disarmo ed uccisione dei soldati armeni e, da maggio, fu intrapresa un’opera di sistematica deportazione della popolazione armena verso il deserto di Der-Es-Zor, dove giunsero in pochi, in quanto la maggioranza fu decimata lungo la strada. Le vittime furono 1.500.000: la quasi totalità degli Armeni scomparve dalla terra dove l’identità e la cultura di quel popolo si erano sviluppate nel corso di più di duemila anni.

Il genocidio armeno, resta, oltrechè impunito, un genocidio dimenticato e in parte disconosciuto. La Turchia, a tutt’oggi, rifiuta di riconoscere quell’evento: le ragioni profonde di tale atteggiamento negazionista vanno collegate all’ideologia nazionalista che allora generò il piano di sterminio. La questione del riconoscimento del genocidio coinvolge non solo Armeni e Turchi ma la coscienza di ciascuno nella ricerca di restituire una verità storica e una memoria viva, attraverso cui risarcire le vittime e riprendere un percorso di dialogo e convivenza possibili.

 

Per saperne di più si vedano i seguenti argomenti:

 

 

Altre News

QUOTA ASSOCIATIVA 2022: E' possibile effettuare il pagamento durante gli incontri dell'associazione o tramite bonifico bancario.

24 aprile 2022 Comunicato Stampa elaborato da diverse Associazioni Armene in Italia, in occasione del 107° Anniversario del Genocidio Armeno.

Giovedì 10 marzo 2022 - risoluzione, adottata all'unanimità dal PARLAMENTO EUROPEO, contro la distruzione del patrimonio culturale nel Nagorno-Karabakh
https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2022-0080_IT.html?fbclid=IwAR1sb45muxpVl5Yr-jKwzEW5OhHlN3BGCKJ42CQGUzxTSdodyL84N8n4Jz8

Breve presentazione dei libri: THE RESTORATION OF ... | HAGHBAT | DADIVANH. Autori: Arch. A. ZARIAN e Dr.ssa C. LAMOUREUX  

VENICE, 8-24 August 2022 - INTENSIVE SUMMER ARMENIAN LANGUAGE and CULTURE COURSE | Application Form

29 dicembre 2021, il Consiglio Comunale di LONGARE-VICENZA con votazione unanime favorevole delibera: "Di ESPRIMERE la propria piena solidarietà al valoroso popolo armeno nella sua battaglia per la difesa dei diritti umani".

Ospedale "REDEMPTORIS MATER"-Ashotsk/ARMENIA, Padre Mario Cuccarollo: Grazie a tutti gli Amici del "Progetto Armenia", Buon Natale e Felice Anno 2022.

Video “INSIEME AL POPOLO ARMENO: MUSICA E PAROLE PER L’ARTSAKH” Link per accedere da YouTube: https://youtu.be/0pR22SQlL4c

Lo scopo è di sostenere un’iniziativa di concreta solidarietà a beneficio degli orfani e dei profughi dell’Artsakh. 
ASSOCIAZIONE ITALIARMENIA
BANCA MONTE DEI  PASCHI DI SIENA, Ag. 6 (PD) - COD. IBAN da utilizzare: 
IT 29 N 01030 12191 000001100382 
Causale: SUOR AROUSIAG - ORFANI E PROFUGHI ARTSAKH  
(intervista a Suor Arousiag.Sajonian)

ITALIARMENIA ringrazia i soci e gli amici per la loro affettuosa e tangibile partecipazione alle tristi vicende della popolazione del Nagorno Karabakh.
La presidente  Flavia Randi