Sei nella pagina: Home Il genocidio
E-mail Stampa PDF

Metz Yeghern:
il genocidio degli Armeni

 

Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie in Turchia il genocidio del popolo armeno. Con esso, il governo, dominato dal partito “Unità e Progresso” (chiamato dei Giovani Turchi), che aveva preso il potere nel 1908, attuò l’eliminazione dell’etnia armena, presente in Anatolia fin dal 7° secolo a.C. I prodromi dei massacri degli Armeni sono da ricercare nel mutamento del quadro politico internazionale durante il XIX secolo e nel declino che in tale contesto stava subendo l’Impero ottomano: lo sterminio del 1915 fu preceduto dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da altri massacri, in particolare nel 1909 in Cilicia. Il movente fondamentale che ispirò l’azione di governo dei Giovani Turchi fu l’ideologia panturchista e la volontà di riformare lo Stato su una base nazionalista.

La pianificazione del genocidio avvenne tra il dicembre del 1914 e il febbraio del 1915 con l’aiuto di consiglieri tedeschi, alleati della Turchia all’interno del primo conflitto mondiale. Il 24 aprile del 1915 tutti i notabili armeni di Costantinopoli vennero arrestati, deportati e massacrati. Unitamente all’eliminazione dell’élite armena, si procedette, a partire dal gennaio del 1915, al disarmo ed uccisione dei soldati armeni e, da maggio, fu intrapresa un’opera di sistematica deportazione della popolazione armena verso il deserto di Der-Es-Zor, dove giunsero in pochi, in quanto la maggioranza fu decimata lungo la strada. Le vittime furono 1.500.000: la quasi totalità degli Armeni scomparve dalla terra dove l’identità e la cultura di quel popolo si erano sviluppate nel corso di più di duemila anni.

Il genocidio armeno, resta, oltrechè impunito, un genocidio dimenticato e in parte disconosciuto. La Turchia, a tutt’oggi, rifiuta di riconoscere quell’evento: le ragioni profonde di tale atteggiamento negazionista vanno collegate all’ideologia nazionalista che allora generò il piano di sterminio. La questione del riconoscimento del genocidio coinvolge non solo Armeni e Turchi ma la coscienza di ciascuno nella ricerca di restituire una verità storica e una memoria viva, attraverso cui risarcire le vittime e riprendere un percorso di dialogo e convivenza possibili.

 

Per saperne di più si vedano i seguenti argomenti:

 

 

Altre News

* “Il giorno successivo allo spettacolo SOGNANDO L’ARMANIA, sabato 8 giugno alle ore 10.00, SONA G. HAKOBYAN terrà una lezione di danza tradizionale armena presso “IL TAPPETTO VOLANTE”, in via Santa Maria Assunta 48- zona Guizza/PD (fermata del tram Assunta). Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi a Daniele Roi (cell. 339 8661033).”

*  QUOTA ASSOCIATIVA 2019:    E' possibile effettuare il pagamento durante gli incontri dell'associazione o tramite bonifico 

* "Si segnala il  CORSO INTENSIVO DI LINGUA E CULTURA ARMENA che si svolgerà a Venezia nel mese di AGOSTO"

* 24 aprile 2019, 104° Anniversario del Genocidio Armeno: RASSEGNA STAMPA

* ASOLO ricorda il Genocidio Armeno

* 14 aprile 2019, Podcast dell'intervista di Radio Cooperativa a Sandra Fabbro Canzian di Italiarmenia, sulla Mostra Fotografica Oltre la passione di un popolo. PERCORSO NELLA MEMORIA DEL GENOCIDIO ARMENO", Padova 12/28 aprile 2019 : 

http://www.radiocooperativa.org/sitonuovo/podcast/?name=2019-04-16_2019_04_14lospeciale_libia_sudan_armenia.mp3

* 10 APRILE 2019, il Parlamento italiano ha approvato all’unanimità la mozione per il riconoscimento ufficiale del GENOCIDIO ARMENO:
https://youtu.be/K-pgzUs-51M  

* E' uscito il nuovo numero di PRIMI PIANI, rivista online di cinema e letteratura, dedicato ad Antonia Arslan: 
 
https://primipiani.wordpress.com/numeri-della-rivista/xii-antonia-arslan-2/   

* Nuova GUIDA "ARMENIA arte, storia e itinerari della più antica nazione cristiana" di ALBERTO ELLI - Ed. TERRA SANTA, Milano 2019

* Segnaliamo la pubblicazione del LIBRO “DADIVANK" relativo al restauro conservativo di un ciclo di affreschi nel Monastero di Dadivank (Artzakh) effettuato dall'architetto Arà Zarian  (DADIVANK la rinascita della meraviglia)

* Il 24 APRILE 2019, in Francia, verrà celebrata per la prima volta la "Giornata nazionale di commemorazione del Genocidio Armeno"

* L'ultimo libro di Antonia Arslan"LA BELLEZZA SIA CON TE",  ha raggiunto la seconda edizione. (recensione) 

JEREVAN dal 4 al 6 luglio 2019, 5° Congresso Medico Internazionale 

* ARMENIA E GEORGIA  VIAGGIO NEL CUORE DEL CAUCASO   dal 2 al 10 agosto 2019, proposto dall'amica e socia Silvana Brusamolino. Iscrizioni e/o informazioni: silvana@geaway.it 

* IX Ediz. Concorso - Festival artistico "Martiros Saryan" 

* La Congregazione Armena Mechitarista propone "UN ITINERARIO sulle tracce della presenza armena a Venezia".

  


,