Sei nella pagina: Home
E-mail Stampa PDF

 

Ragip Zarakolu, un intellettuale turco che è stato arrestato qualche giorno fa dalle autorità del suo paese con la presunta accusa di appartenere ad una cellula terroristica del PKK. 

Zarakolu è stato in questi ultimi anni uno dei protagonisti del dialogo turco armeno per la riconciliazione; una voce che si è levata contro i tabù di regime, contro il negazionismo, per la libertà di espressione.

È stato arrestato, unitamente ad altri intellettuali, per reati di opinione. È accusato di aver scritto libri “scomodi” (su curdi ed armeni) e di avere in programma conferenze all’estero.

Sul Corriere della Sera del 09.11.2011 il giornalista Gian Antonio Stella ha lanciato una richiesta d’aiuto prendendo spunto dall’appello lanciato, a favore della liberazione di Zarakolu, da Gariwo – la Foresta dei Giusti.  Anche l’International freedom of expression Exchange ha lanciato una petizione.

 

Siamo per la libertà di opinione. 

Contro ogni violenza e restrizione. 

Per il rispetto dei diritti fondamentali dell'uomo.


ZARAKOLU  LIBERO!

 

Altre News

-- INFO: quota associativa 2017   (vers. tramite bonifico bancario o direttamente il sabato in occasione degli incontri/S.Messa)

-- Sabato 13 maggio 2017, ore 18.00  celebrazione della S. Messa in rito armeno-cattolico presso la Basilica  del Santo di Padova - Chiesa della Scoletta (ingresso dal sagrato della Basilica). La Messa è in lingua armena, mentre l’omelia è in italiano. Il celebrante è S.E. Boghos Levon Zekiyan 

-- Dal Messaggero di Sant'Antonio, aprile 2017: "Il genocidio sconfitto dal talento" di Giulia Cananzi, con una lunga intervista all'amica Valentina Karakhanian.

-- La Congregazione Armena Mechitarista propone "UN ITINERARIO sulle tracce della presenza armena a Venezia".

-- Comunicato dell'UAI - lettera ufficiale dell'On. Orfini indirizzata all'Unione degli Armeni d'Italia.

-- VENEZIA, AGOSTO 2017 - Comunicato stampa: CORSO ESTIVO INTENSIVO DI LINGUA E CULTURA ARMENA - (application form 2017)